L’importanza del Sogno

6 settembre 2012 § Lascia un commento

Talvolta, anzi troppo spesso, per ragioni d’interesse personale e a questo punto anche di attività politica, sono colpito dalla rovina di pensiero che caratterizza la politica italiana, e il mancato rispetto dei fondamentali (ma non è una novità).

Ora, comunque, con l’evidenza delle due convention americane, è ancora più impossibile non essere colpiti dalla diversità fra ‘noi’ e ‘loro’. Che poi è semplice: lì c’è gente che la politica la ‘pensa’, la ‘vive’,  empaticamente e professionalmente, qui non ancora (ci si sta arrivando, ma il processo è lento e ancora marcato da un’americanizzazione degli strumenti, con risultati non sempre ragionevoli). E’ davvero un peccato che ci si sia ridotti a questo punto, dopo una storia nazionale illustre di contributi politici e politologici.

Per esempio, cosa offre agli elettori il panorama politico italiano? E in particolare, che sogno, che immagine di società futura ci viene proposta dai maggiori partiti? Che vuol dire: andremo a votare cosa?

Perchè le elezioni non si vincono mai con i programmi, ma con le immagini, con i sogni, con proposte politiche in cui si ripone la propria preziosa fiducia.

Un tempo fu Berlusconi, che proponeva la moltiplicazione del proprio successo personale: la società sarebbe stata bella, luccicante, ricca, forse un po’ rozza ed edonistica, ma certo piena di pilu.  E ci avrebbe pensato lui. Cosa offre oggi il PdL? (Se ci fosse ancora un qualcosa chiamato PdL) Il nulla, il deserto assoluto.

Il PD? Qui dipende un poco da chi vincerà le primarie, se saranno fatte -e non sembra più così certo anche se, secondo me, alla fine le faranno (bisogna solo trovare il modo di far perdere Renzi, e così complicato non è) . Ma, sostanzialmente, un altro Monti, cioè serietà zombistica con liberismo, e ragioneria unita a un certo elitismo. Solo che il PD andrà a farlo con UDC e SEL. Senza le competenze datate ma pur sempre riconosciute, la storia liberale, e la credibilità internazionale di Monti. Variazione se vince Renzi: un certo ricambio generazionale, americanismo, una spruzzatino di proposte grilline (perchè per Renzi Grillo è il M5S). Ma, in fondo, la minestra è la stessa: i prossimi anni saranno una continuazione dell’attuale. Loro la chiamano serietà e responsabilità, secondo me gli elettori la chiameranno ‘che palle’.

La Lega ci offre ‘Prima il Nord’. Che dopo la secessione sembra un bambino che piange perchè vuole comunque qualcosa, visto che la mamma ha detto no. Cosa proponga SEL non lo sa nessuno, e comunque bisognerebbe vedere oltre l’accozzaglia di ideologie sconfitte dalla storia e dalle elezioni cementate dal personalismo di Vendola. E penso che basti.

L’UDC offre un insieme di notabili che si fanno i fatti loro. L’IDV offre legalità e notabili all’ombra di Di Pietro, e non è una bella società proposta, quantomeno per me. Ci sarebbero i finiani, ma anche per loro non si sa neanche cosa faranno il mese prossimo, figuriamoci fra sei. Poi avremo, c’è chi lo dice, Italia Futura: Monti in salsa d’imprenditore impresentabile con un tocco di berluschino.

Infine, il M5S: un’armata brancaleone di forse brave persone e forse buone intenzioni, alla ricerca di un’organizzazione e unità e di un qualcosa di sensato. Ma non si sa cosa propongano ancora, e certo pochi capiscono il rapporto con Grillo (e mettiamoci anche con Casaleggio). Almeno loro sono nuovi, però, e non hanno i soldi per pagarsi i consulenti.

Poi ci si preoccupa dell’antipolitica e dell’astensionismo.

Tag:, ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’importanza del Sogno su Towards Transformative Politics.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: